Arrivano i primi freddi? Come affrontare il cambio di stagione senza cali di energia.

Consiglia ai tuoi clienti in pausa pranzo alimenti che danno una marcia in più e ricaricano mente e fisico.

Con il cambio di stagione arrivano i primi freddi e le giornate si accorciano causando stanchezza, sonnolenza, irritabilità, mancanza di concentrazione.

La buona notizia è che scegliendo i giusti cibi è possibile recuperare energia, anche in pausa pranzo. Allora, perché non proporre ai clienti piatti in sintonia con questo delicato momento?

I cibi sì

Per contrastare la sonnolenza sono perfetti alimenti ricchi di vitamine del gruppo B, che sostengono il sistema nervoso e agevolano il buon funzionamento dell’organismo. Ne sono ricchi le verdure a foglia verde (spinaci, lattuga, cavoli, broccoli), il pesce, le uova e il latte.

Per migliorare la concentrazione, importante in ufficio, servono pesce, uova, carne, latte e latticini. Per attivare, invece, le funzioni cerebrali sono da preferire gli alimenti con Omega 3, come il pesce azzurro, la frutta secca a guscio e i semi oleosi. Aiutano a sentirsi mentalmente più scattanti anche gli alimenti che attivano l’acetilcolina, come le uova, il fegato e i legumi.

Alimenti da evitare

Ci sono alimenti che rallentano la digestione e appesantiscono l’organismo, favorendo l’insonnia durante la notte e la sonnolenza durante il giorno: nella preparazione di piatti energizzanti in pausa pranzo è meglio, quindi, evitare gli alimenti ricchi di zuccheri e grassi come prodotti da forno e salse.

OPPORTUNITÀ PER IL TUO LOCALE
Proponi portate ricche di ingredienti ad alto tasso di energia come quinoa, lenticchie, mandorle, broccoli, kiwi. Parti da questi semplici ingredienti per preparare sformati, bowl, zuppe… e incuriosisci i tuoi clienti descrivendo nel menù, in modo serio o spiritoso, le virtù delle tue proposte, magari dedicando al cambio stagione un piatto sfizioso, originale ed energizzante.