Welfare aziendale
9 Gen 2021
| 3'

Criticità e soluzioni per lo sviluppo di un piano di welfare aziendale

Come costruire un piano di welfare? E quali sono le criticità da valutare? Ogni azienda ha esigenze diverse, per questo affidarsi a una piattaforma potrebbe essere una soluzione vantaggiosa
Autore
Team Edenred

Sono sempre di più le aziende che decidono di beneficiare del vantaggio fiscale dato dall’introduzione di iniziative di welfare aziendale. Ma come si può costruire un piano di welfare aziendale efficace? Quali criticità si devono affrontare?

Da precisare subito è che non stiamo parlando di un semplice pacchetto di beni e servizi. È infatti bene ricordare cos’è un piano di welfare aziendale, ovvero uno strumento strategico che permette alle aziende di offrire beni e servizi utili ai dipendenti e anche alle loro famiglie. Per renderlo efficiente, sono necessarie consulenza e pianificazione strategica attraverso diverse fasi, finalizzate al corretto sviluppo e alla gestione degli strumenti necessari.

Conoscere le esigenze dei lavoratori, decidere un budget e la fonte di finanziamento delle iniziative di welfare sono i primi step che l’azienda deve affrontare nello sviluppo di un piano welfare, oltre alla scelta del modo più corretto di comunicarle.

Prima di costruire il piano di welfare: criticità da valutare

Sono diverse le criticità che dovresti tenere in considerazione per poter scegliere le migliori soluzioni per il piano di welfare della tua azienda.

Dovrai infatti valutare diversi elementi. Innanzitutto, il tema della complessità territoriale presente in Italia fa emergere esigenze distinte per ogni realtà aziendale. Diverse dimensioni e numero di dipendenti, così come la tipologia di settore merceologico necessitano di soluzioni e strumenti specifici per poter implementare e far utilizzare i benefit del welfare aziendale.

 
 

Da sapere: il grado di digitalizzazione della popolazione aziendale può influire sulle scelte delle modalità migliori per facilitare la fruizione del piano welfare da parte dei dipendenti.

Esempi di welfare aziendale possono includere, sempre in base al livello di conoscenza digitale delle persone, alcuni servizi e non altri. Anche adottare lo smart working potrebbe andare in questa direzione. 

Come costruire un piano di welfare adatto alla tua azienda? Chiedilo ai nostri esperti: per te una consulenza gratuita

Sviluppo del piano di welfare

Nello sviluppo del piano welfare è quindi fondamentale saper gestire tutti gli aspetti. Dalla definizione dei servizi e delle loro modalità di fruizione, all’implementazione della struttura del piano, alla gestione amministrativa e contabile e alla comunicazione dell’iniziativa, tutto deve essere implementato ad hoc.

È evidente che la costruzione di un piano di welfare potrebbe dunque presentare diverse complessità. Quale che sia il piano, lo sviluppo prevede diversi step come: 

  • attenta analisi del contesto e delle esigenze dei dipendenti;
  • strutturazione intelligente delle iniziative:
  • adeguata opera di comunicazione;
  • puntuale monitoraggio dei progetti e dei risultati.

Le piattaforme di welfare aziendale: una soluzione efficace

Se queste operazioni possono comportare criticità e risorse impegnative per alcune aziende, è la tecnologia che fornisce una soluzione efficace e alla portata di tutte le realtà. Le società provider di servizi di welfare aziendale hanno reso più semplici lo sviluppo e la gestione dei piani di welfare, grazie a piattaforme sempre più innovative.

Per esempio, con la piattaforma di welfare aziendale di Edenred l’effort da parte dei referenti dell’azienda cliente è ridotto al minimo. Questo è possibile grazie a procedure automatizzate e snelle e numerosi servizi che facilitano la gestione e l’utilizzo del piano. I vantaggi sono numerosi, come il notevole risparmio sia in termini di tempi che di costi, ma anche la facile gestione di diverse situazioni, come quella dei residui di welfare dei dipendenti.

Ma anche avere a disposizione professionisti dedicati e un approccio consulenziale che garantiscono, oltre alla progettazione, un monitoraggio in tempo reale delle iniziative. In questo modo è anche possibile modificare alcuni aspetti del piano laddove non vi sia coerenza tra l’obiettivo che ci si è dati e le ricadute organizzative. 

Tutto ciò garantisce ad aziende di qualsiasi dimensione e posizione geografica di implementare con successo piani di welfare aziendale riducendo al minimo gli impatti organizzativi e gestionali sulle proprie risorse.

Cerchi una risposta concreta per costruire il tuo piano welfare?

Ultimi articoli

Welfare aziendale

25 Gen 2022 | 4' di lettura

Welfare e CCNL: rinnovo per Orafi e Argentieri fino al 2024

Welfare aziendale

29 Nov 2021 | 6' di lettura

Chi è il Mobility Manager e quali aziende e PA devono nominarlo

Welfare aziendale

12 Nov 2021 | 4' di lettura

Welfare e CCNL Agenzie Marittime: le novità per i contratti collettivi di lavoro

Potrebbe interessarti anche

Welfare aziendale

31 Lug 2021 | 8' di lettura

Come analizzare il clima aziendale e le azioni per migliorarlo

Welfare aziendale

30 Apr 2021 | 4' di lettura

Smart working e lavoro agile: come prendersi cura dei dipendenti

Welfare aziendale

10 Gen 2021 | 4' di lettura

Quando il welfare aziendale si prende cura del dipendente a 360 gradi

Articoli più letti

Buoni Pasto

24 Apr 2021 | 3' di lettura

Come e dove spendere i buoni pasto: ristoranti, supermercati, ma non solo

Welfare aziendale

27 Mag 2021 | 4' di lettura

Novità CCNL Metalmeccanici 2021: Il welfare aziendale diventa strutturale

Welfare aziendale

01 Feb 2021 | 3' di lettura

Cosa sono i fringe benefit e quali norme li regolano