Welfare aziendale
15 Set 2022
| 3'

Cosa sono i fringe benefit e come utilizzarli in azienda

Tra i più comuni ci sono auto aziendale e polizze assicurative, ma i cosiddetti benefit accessori o compensi in natura possono essere diversi. Ecco perché inserirli in un piano di welfare aziendale
Autore
Cristina Maccarrone
fringe benefit

Quando si parla di fringe benefit nel welfare aziendale, si pensa sempre all’auto aziendale concessa al lavoratore dipendente in uso promiscuo dal datore di lavoro ma, in realtà, ci sono molte altre possibilità”

I fringe benefit possono essere definiti come “compensi in natura” perché appunto non vengono erogati sotto forma di denaro, ma come beni e servizi comunque “visibili” all’interno della busta paga. 

Benefit che, peraltro, come emerge dall’Osservatorio Welfare 2022 di Edenred, sono sempre più apprezzati: nel 2021 hanno infatti rappresentato una fetta consistente dei consumi di welfare, ben il 34%. Inoltre, la novità introdotta dal Decreto Aiuti-bis, entrato in vigore il 10 agosto 2022, ha posto ancora più l’attenzione sui fringe benefit: la soglia esentasse per i dipendenti è passata da 258,23 euro a 600 euro per l’anno fiscale 2022. 

Ma prima di addentrarci nelle novità, cerchiamo di capire ancora meglio cosa sono i fringe benefit, quali norme li regolano e alcuni esempi. 

Cosa si intende per fringe benefit e alcuni esempi

I fringe benefit sono benefit aziendali previsti in primis dal Codice Civile che all’art. 2099 prevede proprio che il collaboratore possa essere retribuito anche con “prestazioni in natura”.

Sono, inoltre, regolati dall’articolo 51 del TUIR (Testo Unico Imposte sui Redditi) per quanto riguarda la fiscalità, di cui parleremo meglio a breve.
Intanto ci soffermiamo sulle caratteristiche e sul perché le aziende scelgono di inserirli all’interno di un piano di welfare aziendale soprattutto in momenti storici difficili, come questo 2022 contrassegnato da un aumento dei prezzi e dall’inflazione.

Un’azienda, di solito, disciplina le tipologie di fringe benefit all’interno del contratto individuale. Per loro natura, infatti, si tratta di benefit che possono essere concessi anche singolarmente al dipendente.

Tra i fringe benefit più comuni ci sono per esempio la già citata auto aziendale e i buoni acquisto, come Edenred Shopping.

Cos’altro rientra nei fringe benefit? Possono esserlo beni e servizi dedicati al dipendente quali:

  • assistenza sanitaria;
  • polizze assicurative;
  • concessione di prestiti;
  • acquisti di azioni societarie (le cosiddette Stock option);
  • alloggi che vengono messi a disposizione del dipendente.

Fringe benefit 2022: cosa cambia e come assegnarli

Come dicevamo in apertura, il Decreto Legge n. 115 pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 9 agosto 2022 – meglio conosciuto come Decreto Aiuti-bis – ha elevato la soglia di non imponibilità a 600 euro dei beni ceduti e dei servizi prestati ai lavoratori dipendenti per l’anno in corso. Si è quindi passati da 258,23 euro a una somma che è più di un raddoppio.

Questo si traduce in un vantaggio per il lavoratore che, fino a quella soglia, non ha alcuna tassazione ai fini IRPEF. Inoltre, per il datore di lavoro, si tratta di importi completamente deducibili dal reddito d’impresa. 

Come dicevamo, tra i fringe benefit dobbiamo considerare i buoni acquisto che, nel caso di Edenred Shopping, possono essere richiesti sia in formato cartaceo che digitale (oltre che fruibili tramite l’app dedicata Edenred Shopping) ed essere utilizzati per fare la spesa, fare rifornimento o per qualsiasi altra esigenza di spesa della famiglia (prodotti di elettronica, articoli sportivi, gift card e tanto altro ancora).

C’è da dire, poi, che la soglia esentasse per i fringe benefit a 600 euro, fino al 12 gennaio del 2023, si somma ai 200 euro erogabili dall’azienda per il carburante. I cosiddetti buoni benzina che possono essere un valido supporto per i dipendenti nell’aumentare il loro potere d’acquisto in un periodo di grandi ristrettezze economiche. 

Vuoi sapere come utilizzare i fringe benefit per i tuoi dipendenti? Per te una consulenza gratuita con i nostri esperti

L’auto aziendale come fringe benefit

L’auto aziendale è sicuramente uno dei benefit più apprezzati dai dipendenti. 

L’auto concessa ad uso promiscuo consente al dipendente di utilizzarla sì per appuntamenti di lavoro, incontri, per raggiungere le diverse sedi o partecipare a un evento aziendale, ma  anche per scopi personali. 

L’utilizzo dell’auto a uso promiscuo concorre alla formazione del reddito del dipendente. In che misura? A chiarirlo è il  TUIR (art. 51 co. 4 lett. a) che definisce i criteri di calcolo in via forfettaria. 

Differenza tra fringe benefit e flexible benefit

Ma esiste una differenza tra i fringe benefit e i flexible benefit? Certamente. 

Come abbiamo visto fino a questo momento, i fringe benefit sono dei compensi in natura, detti anche benefit accessori, che vanno ad aggiungersi alla retribuzione ordinaria e che possono essere concessi singolarmente – com’è il caso dell’auto aziendale, per esempio – o a un numero ristretto di persone. 

I flexible benefit, come ci fa intuire quell’aggettivo che in italiano traduciamo con “flessibili”, sono dei benefit che rappresentano una retribuzione complementare e, come tali, non possono essere concessi al singolo dipendente. 

Devono infatti essere dati a tutti i dipendenti dell’azienda o a una categoria omogenea di lavoratori. Inoltre, spesso sono regolati, come è per esempio nel caso dei metalmeccanici, dai CCNL che stabiliscono la somma di flexible benefit da erogare alla popolazione aziendale ed entro quale periodo. 

Nel caso del CCNL metalmeccanici, firmato il 5 febbraio 2021 e in vigore dal 2021 al 30 giugno 2024, i lavoratori hanno diritto a 200 euro all’anno da spendere in beni e servizi e tali importi devono essere messi a loro disposizione entro il mese di giugno di ciascun anno. 

Tra i flexible benefit, per fare qualche esempio, rientrano i corsi di lingua, gli abbonamenti ai mezzi pubblici, ecc…

La differenza tra fringe benefit e flexible benefit non consiste solo nella modalità di assegnazione e nei destinatari, ma riguarda anche il trattamento fiscale.

Come abbiamo visto, i fringe benefit, hanno delle agevolazioni limitate, peraltro in questi anni spesso soggette a “modifiche”. 

Per questo 2022, infatti, grazie al Decreto Aiuti-bis, la soglia esentasse per chi ne usufruisce è fino a 600 euro, ma il limite previsto dal TUIR è di 258,23 euro all’anno. Anche nel 2021 c’era stato un innalzamento della soglia che aveva portato al raddoppio dei fringe benefit con 516,46 euro.

Vuoi saperne di più sui fringe benefit e come utilizzarli in azienda?