Welfare aziendale
28 Feb 2020
| 3'

Soluzioni di welfare per gli artigiani: servizi e strumenti

Un piano di welfare per gli artigiani deve essere semplice, flessibile e mettere al primo posto le prestazioni sanitarie. Ecco come e cosa può fare Edenred.
Autore
Team Edenred

Quando si pensa a un efficace piano di welfare aziendale, molto spesso si pensa a realtà strutturate. Ma anche le aziende più piccole possono mettere in campo soluzioni simili. L’ideale sarebbe che avessero al proprio interno un’organizzazione di tempo e risorse paragonabili a un grande gruppo, ma è anche vero che il welfare può e deve essere alla portata di tutti anche di realtà peculiari come le aziende artigiane. 

Si può infatti parlare di welfare per artigiani. Ma prima di tutto vediamo chi è e cosa fa l’artigiano. L’artigiano è colui che esercita un’attività lavorativa, spesso a livello familiare, o con un apporto limitato di operai, per la produzione di beni o servizi o di oggetti non di serie, artistici o no. 

Si tratta quindi di una categoria di lavoratori ben specifica con delle esigenze di welfare diverse da quelle che riguardano una multinazionale e i suoi dipendenti, ma non per questo meno importanti e che non possano essere valorizzate. Vediamo quali sono.

Welfare aziendale per artigiani: puntare su servizi semplici e flessibili

Ritagliare un piano di welfare aziendale per gli artigiani significa dunque partire da bisogni che riguardano la piccola dimensione e un tipo di lavoro fisicamente logorante.

Ecco allora che la proposta più adatta potrebbe riguardare servizi di welfare semplici e flessibili, indirizzati soprattutto alla salute e volti ad offrire supporto in caso di infortuni sul lavoro.

Un mondo, quello a misura d’artigiano, che i protagonisti del welfare devono tenere ben presente: il sistema produttivo italiano, infatti, è caratterizzato dalla presenza di piccole e micro imprese, che non hanno la possibilità di elaborare politiche di welfare aziendale articolate.

La salute al centro dei piani di welfare aziendale

Ecco perché se sei un artigiano o se stai proponendo un piano di welfare a questa figura, devi ricordare che rientra a pieno titolo in quella categoria di persone che guarda – o deve guardare – con attenzione ai servizi alla persona.

Ma non solo, anche a soluzioni volte a offrire prestazioni sanitarie sotto forma di benefit: dalle cure mediche a quelle psicologiche.

Tra i grandi operatori del settore Edenred, per esempio, mette a disposizione Doc24, il primo servizio in Italia che permette di ricevere un’assistenza medica h24 in mobilità, attraverso una pratica ed intuitiva applicazione mobile. Questo servizio rientra all’interno della gamma di benefit attivabili con un conto welfare personalizzato e prenotabili sulla piattaforma informatica.

I dipendenti possono scegliere una o più opzioni a loro disposizione:

Vediamo di cosa si tratta.

Welfare aziendale personalizzato: “Il medico sempre con Te”

Il pacchetto “Il medico sempre con Te” prevede:

  • la consulenza medica telefonica, video-consulti con un medico generico o uno psicologo,
  • il telemonitoraggio dei principali parametri vitali e un sistema di “Alert” gestito dalla Centrale Medica di Doc24, in grado di rilevare eventuali anomalie e intervenire di conseguenza.

Ticket per le spese mediche

Esistono poi dei pacchetti di welfare aziendale che includono ticket utilizzabili per pagare direttamente le spese sanitarie, come ad esempio il voucher Ticket Welfare di Edenred. Su queste soluzioni c’è inoltre una totale defiscalizzazione e decontribuzione.

Se sei un artigiano, quindi, potrebbe essere una soluzione da valutare.

Fare sistema e diffondere la cultura del welfare

Per attrarre questa categoria di professionisti, i protagonisti del welfare devono anche cercare il più possibile di aggregare bacini di utenza e condividere investimenti, informazioni e servizi professionali.

Occorre fare formazione per diffondere la cultura del welfare aziendale e farlo aggregando imprese, ovvero grazie a veri e propri contratti di rete di imprese che siano in grado di erogare a una pluralità di soggetti – con un grande risparmio di tempo e notevoli sinergie – tutti i servizi necessari a implementare un piano su misura.

La rete si pone poi l’obiettivo di intervenire su vari fronti della vita di un’impresa come, per esempio: progetti di mobilità territoriale, car sharing e car pooling, ma anche formazione aziendale in materia di sicurezza sul lavoro, forme di finanziamento agevolate (tramite erogazione di buoni come sostegno al reddito), agevolazioni per i trasporti pubblici e per la cura di familiari malati e genitori anziani.

Ultimi articoli

Welfare aziendale

14 Ott 2021 | 3' di lettura

Fondo #Conciliamo: come supportare i progetti welfare di conciliazione famiglia-lavoro

Welfare aziendale

29 Set 2021 | 7' di lettura

Come fare employer branding oggi per rendere più attrattiva la tua azienda

Welfare aziendale

31 Lug 2021 | 8' di lettura

Come analizzare il clima aziendale e le azioni per migliorarlo

Articoli più letti

Welfare aziendale

07 Giu 2021 | 4' di lettura

Novità CCNL Metalmeccanici 2021: Il welfare aziendale diventa strutturale

Buoni Pasto

24 Apr 2021 | 3' di lettura

Come e dove spendere i buoni pasto: ristoranti, supermercati, ma non solo

Buoni acquisto e benzina

10 Mag 2021 | 5' di lettura

Cosa sono e come funzionano i buoni acquisto Ticket Compliments