Buoni Pasto
11 Dic 2021
| 5'

Maternità e buoni pasto: tutto quello che c’è da sapere

Si ha diritto a ricevere i buoni pasto in gravidanza, sia che la maternità sia obbligatoria che facoltativa? E subito dopo la nascita del figlio? Le risposte nel nostro articolo.
Autore
Cristina Maccarrone

I buoni pasto come i Ticket Restaurant® sono un servizio sostitutivo di mensa aziendale che costituisce un benefit importante e dà la possibilità a tutti i lavoratori di fare un pasto salutare e di godere al massimo della propria pausa pranzo. Ovunque decidano di farla: nei dintorni dell’ufficio, a casa o nelle vicinanze, in trasferta e così via.

Ma cosa succede a chi è in maternità: ha diritto ad avere i buoni pasto? E questo sia che la maternità sia obbligatoria che anticipata? E cosa succede invece ai genitori che decidono di usufruire del congedo parentale?
Vediamo di rispondere a tutti i dubbi su buoni pasto e maternità.

I buoni pasto in maternità dipendono dalla “fonte di erogazione”

Per quel che riguarda il diritto al riconoscimento dei buoni pasto durante il periodo di congedo di maternità (ossia “maternità obbligatoria”), ciò dipende dalla relativa fonte di erogazione

Cosa si intende con questo? Che qualora l’assegnazione dei buoni pasto abbia una natura obbligatoria, ossia sia prevista da disposizioni collettive di primo o secondo livello o da un regolamento aziendale, questi dovranno essere garantiti alla lavoratrice in congedo di maternità (vale a dire durante la “maternità obbligatoria”).
Questo perché sono un elemento del “trattamento economico e normativo” che il datore di lavoro è obbligato a garantire in continuità anche durante tale periodo di maternità.

Diversamente, qualora l’attribuzione dei buoni pasto avvenga su base meramente volontaria, da parte del datore di lavoro o sia riferibile ad un periodo di congedo parentale (la cosiddetta “maternità facoltativa”) non sussiste per la lavoratrice un analogo diritto al riconoscimento dell’assegnazione dei buoni pasto

A ogni modo, qualora la lavoratrice in maternità abbia diritto al servizio sostitutivo di mensa aziendale, come prevede la normativa sui buoni pasto, questi non contribuiscono a formare il reddito da lavoro dipendente fino all’importo complessivo per persona al giorno di 8 euro per il ticket elettronico (tessera elettronica o da app) o di 4 euro per il ticket cartaceo (carnet cartaceo).

Sapevi che con Ticket Restaurant® non hai nessun vincolo d’ordine o minimo d’ordine? Provali gratis.

Detto questo, cosa si intende per congedo di maternità, quanto dura questo periodo e “come funziona”?

Cos’è il congedo di maternità e quanto dura

Per congedo di maternità si intende dunque il divieto per la lavoratrice di svolgere qualsiasi attività di lavoro, così come previsto dal Decreto Legislativo n. 151 del 26 marzo 2001.

A dare indicazioni alle aziende su come comportarsi nei confronti della lavoratrice incinta è l’articolo 16, che dice espressamente che è vietato adibirla al lavoro:

  • durante i 2 mesi precedenti la data presunta del parto;
  • qualora il parto avvenga oltre tale data, per il periodo che intercorre tra la data presunta e la data effettiva del parto;
  • durante i 3 mesi dopo il parto
  • durante gli ulteriori giorni non goduti prima del parto e questo qualora il parto avvenga prima di quanto fosse previsto. Tali giorni rientrano poi nel periodo di congedo di maternità dopo il parto. 

Quest’ultimo punto è stato poi modificato dall’articolo 2 comma 1 del Decreto Legislativo n. 80 del 2015 che, per tutelare le eventuali ipotesi di un parto molto prematuro, prevede che l’arco temporale di astensione concesso prima e dopo il parto possa superare i 5 mesi

Anche la Legge di Bilancio 2019 ha introdotto delle novità significative per il congedo di maternità: ha infatti riconosciuto alle lavoratrici, in alternativa alle modalità tradizionali, la possibilità di astenersi dal lavoro esclusivamente dopo il parto, entro i 5 mesi successivi da quando questo è avvenuto. 

Se una lavoratrice decidesse di lavorare fino all’ultimo giorno, ma anche se lo facesse il mese precedente la presunta data di nascita, tale scelta deve essere condivisa con il medico che ne deve valutare gli eventuali rischi relativi. Se si presentassero delle condizioni per cui la futura mamma non potesse beneficiare del congedo, l’astensione dal lavoro spetterebbe al padre (c.d. “congedo di paternità”). 

Da sapere: il diritto al congedo è previsto anche per le adozioni e gli affidi. 

Il congedo di maternità anticipato

Si parla di congedo di maternità anticipato quando, su richiesta della lavoratrice, ci sono gravi complicanze o malattie che possono aggravare lo stato in cui si trova o quando le condizioni ambientali o di lavoro sono ritenute non adatte per tutelare la salute della donna e del bambino che deve nascere.
Ciò vale anche se la futura mamma è addetta a lavorazioni pesanti, pericolose e/o insalubri e non ci sia la possibilità di attribuirle altre mansioni che siano compatibili con il suo stato di salute. 

I buoni pasto durante il congedo parentale

Si ha diritto ad avere i buoni pasto durante il congedo parentale? Durante questo periodo, che è un’astensione facoltativa dal lavoro che entrambi i genitori possono prendere (contemporaneamente o meno) per dedicarsi alla cura dei propri figli, i padri lavoratori non hanno diritto al riconoscimento dell’assegnazione dei buoni pasto.

Il congedo parentale, previsto dall’articolo 32 del Decreto Legislativo n. 151 del 2001, a differenza del congedo di maternità è un periodo di astensione facoltativa dal lavoro di cui possono usufruire entrambi i genitori. 

Per un periodo massimo complessivo di 10 mesi, i genitori hanno il diritto di astenersi dal lavoro purché ovviamente diano un preavviso al datore di lavoro. 

Quanto al trattamento economico, come specifica l’articolo 34 comma 1 del Decreto Legislativo già citato, è prevista un’indennità pari al 30% della retribuzione fino al sesto anno di vita del bambino. Questo per periodo massimo complessivo tra i genitori di 6 mesi. 

Vuoi saperne di più sui buoni pasto?

Ultimi articoli

Buoni Pasto

27 Gen 2022 | 7' di lettura

Buoni pasto: tutto quello che devi sapere per utilizzarli al meglio

Buoni Pasto

17 Gen 2022 | 3' di lettura

Buoni pasto e smart working: perché riconoscerli ai dipendenti

Buoni Pasto

11 Dic 2021 | 5' di lettura

Maternità e buoni pasto: tutto quello che c’è da sapere

Potrebbe interessarti anche

Buoni Pasto

27 Ott 2021 | 4' di lettura

Buoni pasto: quanto costano davvero alle aziende?

Buoni Pasto

21 Ott 2021 | 6' di lettura

Quanto ne sai davvero sui Ticket Restaurant®? Le risposte a 10 domande + 1

Buoni Pasto

03 Ott 2021 | 3' di lettura

Cosa fare con i buoni pasto scaduti: consigli pratici per l’utilizzo

Articoli più letti

Buoni Pasto

24 Apr 2021 | 3' di lettura

Come e dove spendere i buoni pasto: ristoranti, supermercati, ma non solo

Welfare aziendale

27 Mag 2021 | 4' di lettura

Novità CCNL Metalmeccanici 2021: Il welfare aziendale diventa strutturale

Welfare aziendale

01 Feb 2021 | 3' di lettura

Cosa sono i fringe benefit e quali norme li regolano