Buoni acquisto e benzina
18 Ott 2021
| 5'

I vantaggi fiscali dei buoni acquisto: perché sono convenienti

I buoni acquisto godono di diverse agevolazioni fiscali nei loro diversi utilizzi: come benefit aziendali, premi e omaggi sono soluzioni convenienti, oltre che versatili e attrattive. Scopriamo di più.
Autore
Alessandra Boiardi

I buoni acquisto offrono numerosi vantaggi per aziende, dipendenti e liberi professionisti. Oltre a diventare, grazie alla loro versatilità, efficaci benefit per i lavoratori, premi per la forza vendita, omaggi per i clienti e molto altro, sono soluzioni molto convenienti.
Grazie ai vantaggi fiscali che offrono, i buoni acquisto, sono infatti interessanti anche dal punto di vista economico.

Un benefit esentasse

Secondo la ricerca di The European House per Ambrosetti su dati Edenred, nel 2020 sono stati emessi circa 200 milioni di buoni acquisto, +30% rispetto al 2019. Il dato è ancora più significativo se lo consideriamo insieme a quello che indica come il 36% dei lavoratori ha espresso preferenza verso i fringe benefit, rispetto ad altri tipi di benefit aziendali.

 
 

Come fringe benefit i buoni regalo per i dipendenti diventano una soluzione conveniente a supporto dei consumi: sono considerati benefici accessori e quindi complementari al reddito dipendente.

Come funzionano i buoni spesa aziendali dal punto di vista fiscale? Come fringe benefit i buoni regalo sono configurati come compensi “in natura”. Pertanto, per i lavoratori la tassazione dei voucher è particolarmente conveniente: sono esenti da contribuzione fiscale e previdenziale, ai sensi del comma 3 dell’articolo 51 del TUIR (Testo unico Imposte sui redditi), l’articolo che stabilisce i criteri che determinano il lavoro dipendente.

Questo significa, in pratica, che l’importo corrispondente ai buoni acquisto utilizzati è esposto in busta paga alla voce “dato figurativo” ed è esente da IRPEF e da addizionali comunali.

Come indicato dall’art. 95 del DPR 917/86, l’esenzione fiscale si riferisce a ciascun dipendente nel periodo di imposta e fino alla soglia di 516,46 euro indicata dal Decreto Sostegni, che di fatto ha raddoppiato la deducibilità dei buoni spesa per i dipendenti nel 2021 (in precedenza era 258,23 euro).

I vantaggi economici per le aziende

per quel che riguarda il trattamento fiscale dei buoni acquisto, l’esenzione fiscale è totale per l’azienda.
I buoni regalo sono infatti considerati spese connesse al lavoro dipendente (sempre ai sensi dell’art. 95 del DPR n. 917/86) perciò completamente esentasse.

Questo sia nel caso in cui l’azienda distribuisca i buoni spesa come welfare aziendale che nel caso di erogazione diretta, come regalo aziendale di Natale.
I buoni acquisto possono infatti essere erogati secondo un accordo unilaterale con il singolo lavoratore, il che significa che possono essere esterni ai contratti territoriali e nazionali e indipendenti dal coinvolgimento dei sindacati.

Buoni acquisto esentasse come premi e omaggi

I buoni spesa sono convenienti dal punto di vista del trattamento fiscale anche quando vengono offerti agli agenti commerciali al raggiungimento degli obiettivi di vendita, così come ad aziende partner, sia che siano distributori che aziende clienti.

 
 

Il trattamento fiscale dei buoni acquisto è vantaggioso, non solo quando questi sono erogati come fringe benefit ai dipendenti, ma anche quando vengono utilizzati come premi.

In questi casi infatti, i buoni acquisto rientrano tra i costi completamente deducibili sostenuti dall’azienda con detraibilità dell’IVA relativa alla commissione, ai sensi dell’art. 15, comma 1, n. 2 e art. 21, comma 2, lett. C del DPR n. 633/1972.

Allo stesso modo del compenso in natura tra due soggetti in rapporto di fatturazione, gli articoli disciplinano lo sconto in natura di prodotti e servizi concordati tra le parti. Vale a dire  che i buoni acquisto possono essere anche erogati sotto forma di sconto in natura rientrando anche in questo caso come costi deducibili, esattamente come accade con l’utilizzo come premi. 

L’azienda può anche decidere di utilizzare i buoni acquisto come omaggi (ossia premi a titolo gratuito) nell’ambito di campagne marketing. Anche i liberi professionisti possono sceglierli come regali (per esempio in occasione di ricorrenze o per festeggiare un evento) ad aziende clienti, partner, collaboratori e così via. 

In tutti questi casi, ai sensi dall’art. 108 comma 2 del TUIR (DPR n. 917/86 e DM 19/11/2008), i buoni acquisto rientrano tra le spese per erogazioni a titolo gratuito di beni e/o servizi erogati con finalità promozionali o di pubbliche relazioni. Pertanto, il loro valore imponibile può essere dedotto completamente da costi con detraibilità dell’IVA relativa alla commissione. 

Spendibilità e versatilità: Edenred Shopping oltre la convenienza

I vantaggi fiscali rendono i buoni acquisto un benefit  particolarmente apprezzato, come abbiamo visto. Ma non è solo la loro convenienza a renderli particolarmente interessanti. 

Buoni acquisto multibrand come i buoni Edenred Shopping sono per esempio molto vantaggiosi anche dal punto di vista della spendibilità: si possono utilizzare in 27000 punti vendita di numerosi brand di varie categorie merceologiche, sono semplici da usare e se ne possono fare diversi utilizzi:, spesa, carburante e shopping.

La versatilità dei buoni li rende inoltre una soluzione ideale nelle più svariate situazioni. 

Non hai mai provato i buoni acquisto di Edenred? Fallo adesso: per i nuovi clienti 50 euro di buoni spesa in regalo

Le aziende, oltre che come fringe benefit, possono utilizzare i buoni buoni Edenred Shopping  (con gli stessi vantaggi fiscali) per adempiere agli obblighi previsti nei diversi contratti collettivi nazionali, come per esempio i contratti metalmeccanici e delle telecomunicazioni. 

Come premi per la forza vendita, hanno un plus non indifferente: l’autonomia di scelta. Grazie ai buoni multibrand come gli Edenred Shopping, sales e agenti incaricati alle vendite non solo saranno più motivati a raggiungere gli obiettivi, ma potranno scegliere tra una sempre più ampia rete convenzionata e avvantaggiarsi di un premio immediato e facile da utilizzare, anche direttamente dallo smartphone, con la nuova app MyEdenred Shopping.

E come premi nelle campagne di marketing, buoni acquisto come i gli Edenred Shopping hanno un forte appeal sui clienti.

Puoi usarli per esempio nell’ambito di loyalty program: concorsi a premi, instant win, raccolta punti e così via, ma anche per attrarre nuovi clienti. E ancora, come strumento efficace nelle campagne di lead generation. Un modo per rafforzare il tuo messaggio promozionale, strizzare l’occhio ai tuoi possibili clienti con tutti i vantaggi fiscali già illustrati. 

Vuoi scoprire tutti i vantaggi dei buoni acquisto di Edenred?

Ultimi articoli

Buoni acquisto e benzina

03 Dic 2021 | 4' di lettura

Loyalty program: le sfide da affrontare e le metriche su cui puntare

Buoni acquisto e benzina

04 Nov 2021 | 6' di lettura

Idee regalo di Natale per dipendenti e clienti: perché puntare sui buoni acquisto

Buoni acquisto e benzina

30 Ott 2021 | 4' di lettura

Natale 2021: buoni acquisto per sostenere economia locale e artigiani

Potrebbe interessarti anche

Buoni acquisto e benzina

14 Ott 2021 | 7' di lettura

Cosa sono le manifestazioni a premio e perché organizzarle

Buoni acquisto e benzina

20 Set 2021 | 8' di lettura

Cos'è la lead generation e idee per portarla avanti

Buoni acquisto e benzina

16 Set 2021 | 6' di lettura

L’utente e i dati al centro delle campagne marketing: intervista a Giorgio Parravicini di Terashop

Articoli più letti

Buoni Pasto

24 Apr 2021 | 3' di lettura

Come e dove spendere i buoni pasto: ristoranti, supermercati, ma non solo

Welfare aziendale

27 Mag 2021 | 4' di lettura

Novità CCNL Metalmeccanici 2021: Il welfare aziendale diventa strutturale

Buoni acquisto e benzina

10 Mag 2021 | 5' di lettura

Cosa sono e come funzionano i buoni acquisto Edenred Shopping