Buoni Pasto
29 Giu 2021
| 4'

A chi spettano i buoni pasto? Ecco tutto quello che devi sapere

I buoni pasto sono uno strumento versatile e immediato per godere della pausa pranzo. Ma ne hanno diritto tutti i dipendenti? Scopri chi ne ha diritto.
Autore
Team Edenred
Che il buono pasto sia la soluzione ideale per le aziende, così come per i liberi professionisti e le famiglie, è un concetto ormai assodato. Così come lo è il fatto che abbia sempre più sostituito il servizio mensa e si sia trasformato in un importante strumento di welfare dando numerosi vantaggi sia alle aziende stesse che ai lavoratori.

Ma a proposito di questi, a chi spettano i buoni pasto? Ne hanno tutti diritto o no? Sono obbligatori?

Scopriamo chi sono gli effettivi destinatari secondo la normativa che regola i ticket per il pranzo.

Chi ha diritto al buono pasto: cosa devono sapere le aziende

Se hai un’azienda puoi decidere di dare i buoni pasto a tutti o a categorie omogenee di dipendenti, e questo sia che lavorino full time, part-time, a tempo indeterminato o determinato. Vale lo stesso anche per chi fa i turni, ossia i cosiddetti turnisti.



La normativa che regola i buoni pasto, vale a dire il Decreto 122 del 2017, nell’articolo 4 stabilisce, infatti, che a poter utilizzare questo benefit sono tutti coloro che lavorano in modo subordinato, nonché le persone che hanno instaurato con il datore di lavoro/cliente un rapporto di collaborazione, anche non subordinato.




L’azienda, dal canto suo, può scegliere se dare i buoni pasto cartacei, elettronici o digitali.

I buoni pasto per chi è in stage o in apprendistato

E cosa succede con i lavoratori in stage o con contratti di apprendistato? Anche in questi casi, i buoni pasto rappresentano un sostegno flessibile e valido per il lavoratore che puoi decidere di riconoscere.

Molte aziende, infatti, quando promuovono le loro offerte di tirocinio tendono a comunicare che, oltre al rimborso spese, sono previsti anche i buoni pasto. E lo stesso è anche per l’apprendistato che è una tipologia di contratto completamente diversa ma sempre rivolta a chi è più giovane, ossia agli under 30.



Questo perché il ticket per il pranzo è un benefit molto ambito e lo è ancor di più per chi sta muovendo i primi passi nel mondo del lavoro: si tratta spesso di persone che, prese come sono dalla voglia di apprendere e di dimostrare il loro valore, possono trascurare l’importanza di una pausa pranzo come si deve.



Inoltre, i loro compensi non sono così alti quindi il buono pasto aumenta il loro potere d’acquisto rendendo così, dal punto di vista dell’employer branding, la tua azienda più attrattiva per i più giovani.

I buoni pasto per i lavoratori part-time

Tra i dipendenti che hanno diritto ai buoni pasto, come accennavamo, ci sono i lavoratori part-time, anche se qui bisogna fare alcune precisazioni.

Come previsto dalla normativa, se l’orario di lavoro non prevede il diritto alla pausa per il pranzo, anche questi lavoratori possono avere i buoni basto e beneficiano della previsione agevolativa, come previsto dall’articolo 51, comma 2 lettera c del Tuir. Pertanto i buoni pasto non concorrono al reddito.



Sul trattamento tributario ci sono ulteriori chiarimenti secondo quanto previsto dalla Risoluzione del 30/10/2006 n. 118, ribadita di recente dall’Agenzia delle Entrate con la risposta all’istanza di interpello n. 123/2021.

Buoni pasto e smart working

Quanto ai buoni pasto durante lo smart working, in un periodo molto particolare come quello che stiamo vivendo, garantire questo fringe benefit ai dipendenti, come se fossero in ufficio, è molto importante.



Questo perché come azienda dai un sostegno alle famiglie in difficoltà, aumenti il loro potere d’acquisto e mostri in modo tangibile e concreto quanto il benessere dei dipendenti e tutte le azioni di welfare aziendale siano per te prioritari.
 
 

In un momento in cui può capitare, a causa del sovraccarico di lavoro, che si salti la pausa pranzo, il buono pasto la valorizza.

Il buono pasto, inoltre, è uno strumento che porta il lavoratore a uscire da casa (se sta lavorando da lì), a girare il proprio quartiere alla scoperta di bar e ristoranti nelle vicinanze. Con il buono pasto quindi aiuti i lavoratori, ma anche l’economia locale.



Con la già citata risposta all’istanza di interpello n. 123/2021, l’Agenzia delle Entrate ha avuto modo di precisare che, in assenza di disposizioni che limitano l’erogazione da parte del datore di lavoro dei buoni pasto in favore dei propri dipendenti, tali prestazioni sostitutive del servizio di mensa debbano trovare applicazione.

E questo indipendentemente dall’articolazione dell’orario di lavoro e dalle modalità di svolgimento dell’attività lavorativa come appunto lo smart working.

Quando non spetta il buono pasto

Fin qui abbiamo detto chi ha diritto ai buoni pasto, ma quando invece non sono previsti? Sostanzialmente quando non c’è la giornata lavorativa, vale a dire quando il lavoratore è in ferie o in malattia. In quel caso non ha diritto al buono pasto. 



Non ha diritto al buono pasto neanche il lavoratore che è in aspettativa o che prende un permesso che dura tutta la giornata (anche nel caso della legge 104 se si usufruisce della giornata di permesso per intero), così come se è in cassa integrazione.

Ovviamente il buono pasto non è previsto per le giornate di sciopero.



Cosa succede se l’azienda vuole comunque corrisponderli al lavoratore? In tal caso i buoni pasto concorrono interamente alla formazione del reddito di lavoro dipendente per il percipiente.



Vuoi saperne di più sui buoni pasto?
Ticket Restaurant

Ultimi articoli

Buoni Pasto

20 Lug 2021 | 3' di lettura

Buoni pasto durante le ferie: dipendenti e collaboratori ne hanno diritto?

Buoni Pasto

12 Lug 2021 | 4' di lettura

Risparmiare per ripartire: perché i buoni pasto sono un sostegno concreto per tutti

Buoni Pasto

29 Giu 2021 | 4' di lettura

A chi spettano i buoni pasto? Ecco tutto quello che devi sapere

Articoli più letti

Welfare aziendale

07 Giu 2021 | 4' di lettura

Novità CCNL Metalmeccanici 2021: Il welfare aziendale diventa strutturale

Buoni acquisto e benzina

10 Mag 2021 | 5' di lettura

Cosa sono e come funzionano i buoni acquisto Ticket Compliments

Buoni acquisto e benzina

19 Mag 2021 | 2' di lettura

Fringe benefit: anche per il 2021 raddoppia il limite di esenzione fiscale